Oliena ed il Corrasi - Flora ed orchidee spontanee della Sardegna

Vai ai contenuti

Menu principale:

Oliena ed il Corrasi

Itinerari botanici > Il Corrasi e la sua flora

Il Monte Corrasi di Oliena

Andare per il Corrasi e conoscerlo in tutti i suoi aspetti è impresa non facile.
Come d'altronde lo è interpretare la sua attuale formazione geologica.
Inserito all'interno del Supramonte che abbraccia i territori appartenenti a vari comuni limitrofi a quelli di Oliena, come Orgosolo, Urzulei, e Dorgali, il monte Corrasi,nella sua punta più alta raggiunge i 1463 m.

 


L'attuale natura delle rocce è di tipo calcareo, come il M. Tuttavista a Galtellì ed il Monte Albo di Siniscola-Lula.
Per una maggiore documentazione al riguardo suggerisco il testo "Montagne di Sardegna" editore C. Delfino, e curato dal prof. I.Camarda e da altri autori.

Diversi sono gli itinerari per esplorare il Corrasi e dirigendoci ad Oliena verso il Monte Maccione si può proseguire in auto o a piedi fin su per i tornanti attraversando una  ricchissima zona di lecci secolari e ginepri in questa zona di Tuones e fin sul pianoro seguendo le  salite di s' iscala 'e Pradu a 1100 m . Molte le guglie un po' in ogni direzione.

Le antichissime specie botaniche presenti sul monte Corrasi hanno la loro giustificazione nell'isolamento geografico di queste montagne , isolamento che talvolta ha favorito il mantenimento di caratteristiche  iniziali sviluppandosi solo in limitatissimi areali e generando ciò che gli studiosi chiamano paleoendemismi .
                                                                                      



Torna ai contenuti | Torna al menu